ForestLove

agosto 1, 2008


Ok, forse stavolta abbiamo davvero esagerato.

Il fatto e’ che a settembre la Commissione Europea sara’ chiamata a votare una legge contro l’importazione di legname illegale. Una legge in grado di salvare milioni di ettari di foresta, ma non certo facilissima da comunicare, soprattutto nel periodo estivo.

Abbiamo pensato: cosa c’e di meglio di usare un po’ di sesso e di fare la parodia ad una popolarissimo video della Comissione (si hanno anche un channel su YouTube):

Durante tutto il mese di agosto raccoglieremo foto e video da tutte le parti del mondo per far vedere quanto tutti noi amiamo le foreste. Se andate in un parco o in montagna, non dimenticate di scattare qualche foto e di mandarcele al ritorno dalle ferie.

Potete caricare le foto direttamente du questo gruppo Flickr (utile anche per avere un po’ di ispirazione) e i video come risposta al nostro su Youtube.

Buon ForestLove a tutti.

Dove Onslaught(er)

aprile 24, 2008


A mio parere uno dei migliori esempi di ad subvert. Non lo dico solo perche’ e’ di Greenpeace, ma giudicate voi. Se non lo conoscete, guardate prima lo spot originale della Dove:

L’idea di fare una parodia di questo spot per lanciare la campagna Unilever e’ venuta durante un brainstorming qui a Greenpeace International, ed il video e’ stato prodotto dal nostro nuovo Multimedia Specialist, Daniel Bird.

Prima che qualcuno me lo chieda, la musica e’ stata prodotta apposta per questo video. Daniel e’ riuscito a coinvolgere la band cecoslovacca Ohm Square, da lui definita “i Massive Attack della Repubblica Cieca”. Mmmm, non so quanto possiate concordare, ma il risultato mi sembra ottimo.

Per partecipare alla campagna:
Talk to Dove before they destroy Paradise Forests

Climate Message in a Bottle – Versione Finale

dicembre 23, 2007

Ecco a voi il primo progetto di Collaborative Video di Greenpeace. La parte iniziale e finale l’abbiamo filmata rispettivamente ad Amsterdam e a Bali, Indonesia. La parte centrale è stata fatta da voi. Si, da utenti YouTube che hanno mandato i loro video con un messaggio nella bottiglia per chiedere “Real Action” ai delegati delle Nazioni Unite che si sono incontrati la settimana scorsa a Bali per discutere dei cambiamenti climatici. Spero che vi piaccia. Stiamo già pensando ad altri progetti simili e la prossima volta dovete partecipare anche voi con i vostri video!

Ti senti in colpa per aver tradito?

agosto 1, 2007


Questo lungo video racconta l’incredibile storia di due sconosciuti ragazzi inglese che con un’idea stravagante quanto originale sono riusciti prima a fregare i grandi media inglesi, poi a far far parlare di un complicato tema ambientale poco affrontato.

Ma partiamo dall’inizio. Alcuni mesi fa lanciano il sito Cheat Neutral che offre uno strano servizio: se sei infedele con il tuo partner, puoi pagare un’altra coppia che promette di essere assolutamente fedele. Secondo gli ideatori, il sistema permetterebbe di mantenere invariato la “quantità” di tradimenti totale. Il concetto e’ folle ma i media abboccano e i due ragazzi vengono invitati a parlare in radio e tv, con tanto di tavole rotonde e invitati che si arrabbiano per un possibile aumento dei tradimenti (vedi il video, con l’intervista telefonica). Leggi il seguito di questo post »

Nudi sui ghiacciai

luglio 23, 2007

Permalink
Spencer Tunick e’ un artista Newyorchese celebre per le sue fotografie nelle quali compone spazi metropolitani con miglia di corpi nudi. E’ da una decina d’anni che il fotografo americano si occupa di nudo di massa e la discussione se la sua attività debba essere considerata arte, fenomeno culturale o semplicemente marketing non si e’ mai interrotta. Anche il mio amico Eugenio ha affrontato l’argomento su cosa sia o stia diventando l’arte moderna in un ottimo articolo sull’ultimo Permalink. Interessante perché analizza la questione da un punto di vista privilegiato: usando le parole dell’articolo, il nostro coraggioso Eugenio “a chiappe al vento” ha da poco partecipato ad una delle ultime istallazioni di Spencer Tunick che si e’ tenuta qui ad Amsterdam.

Ora, i miei tre lettori abituali si staranno chiedendo come mai oggi scriva di arte, fotografia e nudo anziché di ambientalismo. E infatti ecco qua il legame: Spencer Tunick e Greenpeace stanno cercando alcune centinaia di persone pronte a posare nude su un ghiacciaio in svizzere per denunciare il rapido scioglimento dei ghiacciai alpini. L’evento e’ fissato per il 18 e il 19 agosto.

Se volete partecipare, potete iscriversi sul sito di Greenpeace Svizzera. In quei giorni saro’ in Italia, chissà che non riesca a farci un salto. In treno ovviamente!

Il video che vorrei Greenpeace avesse fatto

luglio 19, 2007


Il tema dei rifiuti elettronici, ewaste, non e’ un tema che appassioni facilmente le masse. E’ facile parlare dei rifiuti urbani, con le montagne di spazzature che marciscono in Campania e con gli inceneritori dietro casa. Difficile immaginare i nostri “giocattoli” preferiti, per i quali abbiamo speso tanti soldi e tempo, diventare dei pericolosi rifiuti tossici quando questi vengono scaricati nelle lontane discariche asiatiche. Questo video prodotto da GOOD Magazine riesce invece a entusiasmare al problema degli ewaste e a dare, come dice il mio amico Eugenio, un’esauriente infarinatura (?!).

Se sei uno dei miei tre lettori abituali, saprai che Greenpeace ha da tempo una campagna sugli ewaste, che ha avuto il suo piu’ grande successo con il sito Green my Apple. Non c’e’ dubbio che la campagna abbia contributo ha formare una coscienza pubblica sulla pericolosità dei rifiuti elettronici, ma certo saremmo stati ancora piu’ efficaci se avessimo prodotto un video con una tale forza comunicativa. Per fortuna non e’ mai tardi per imparare, e non mancheranno le occasioni per sperimentare nuovi metodi di comucazione.

Dedica

luglio 12, 2007


Dedicato a mia Mamma, unica lettrice di questo blog, e grande fan di Lucio Dalla. Mi ricordo che questo pezzo non ebbe un gran successo, e ricevette molte critiche, ma il video a me piace e mi sembra in pieno stile Lucio. Tra l’altro Dalla ha da poco pubblicato il suo nuovo disco, “Il Contrario di Me”. Acquistato stamattina su iTunes, lo sto tenendo come sottofondo a lavoro. Molto meglio degli ultimi dischi e con richiami alle sue vecchie e indimenticabili canzoni. Dai Mamma, fatti un regalo, comprati questo disco anche te, sembra ottimo per passare il Luglio a Pistoia.

Liberta’ di espressione?

luglio 11, 2007

Piero Ricca aveva un blog.
Piero Ricca aveva dato del buffone a Berlusconi nel tribunale di Milan.
Piero Ricca aveva contestato Emilio Fede.
Piero Ricca aveva ricevuto uno sputo e una denuncia da Emilio Fede.
Piero Ricca non ha più un blog. Ieri la procura di Roma ha chiuso il suo sito con un “sequestro preventivo”.
Piero Ricca ha la mia solidarietà e qui, come in tanti altri blog, posto la sua lettera che lui non puo’ più publiccare sul suo blog.

“Sono Piero Ricca.
CARI AMICI, NON POSSO AGGIORNARE IL BLOG. Mi è stato chiuso con atto della procura di Roma, un “sequestro preventivo” notificatomi alle 14,00 di oggi da due agenti della guardia di finanza del “nucleo speciale contro le frodi telematiche”, venuti da Roma. Il sequestro proviene da una querela per diffamazione presentata da Emilio Fede nei miei confronti per la famosa contestazione al circolo della stampa. Con il medesimo provedimento hanno cancellato un mio post relativo alla vicenda Fede e i commenti in calce. Non hanno potuto, per motivi tecnici, togliere il video da youtube.
Naturalmente farò immediata richiesta di dissequestro. Intanto posso solo scrivere queste righe in questa sede. Fra poco manderò un comunicato ai siti amici, e vi chiedo fin d’ora di farlo girare.
Con Fede ce la vedremo in tribunale, magari davanti a uno dei magistrati diffamati e spiati negli anni del governo del suo datore di lavoro.
E continueremo a criticare lui e i suoi simili sulla pubblica piazza, in nuove manifestazioni di dissenso.
Nessuno riuscirà a sequestrare la libertà di espressione, mia e degli amici di Qui Milano Libera e del blog: questo è certo.
Grazie a tutti.” A presto, Piero.

La televisione che mi manca

luglio 10, 2007


Abitando all’estero non mi resta che usare youtube per vedere un po’ di televisione italiana. Non e’ che mi manchi molto, a dire la verita’, ma ci sono delle cose che mi piacerebbe vedere ogni tanto. Le Iene sono sicuramente uno di questi pochi programmi che mi mancano. Un altro e’ 8 e mezzo su la7.
La scorsa domenica, perdendo un po’ di tempo su YouTube ho trovato questa perla di giornalismo. Se anche voi in Italia ve lo siete perso, o se volete rifarli delle amare risate… buona visione.

Einstein ha avuto un’idea!

luglio 3, 2007


Greenpeace sta chiedendo un bando delle lampadine ad incandescenza. E’ stato calcolato che passare alle lampadine a basso consumo ci farebbe risparmiare, solo in Europa, 20 milioni di Tonnelate di Co2, equivalenti a 25 centrali di medie dimensioni.

Se volete contribuire alla campagna potete partecipare a “7 steps”

Complimenti ad Andrew, Eoin and Tania, i miei colleghi web qui a Greenpeace International che lavorano su clima, per l’ottimo lavoro che stanno facendo.
.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.